Top

CLAUDIA PASTORINO

Luglio 28, 2008

Nata a Genova Pegli dove vive, Claudia Pastorino è la cantautrice che nel 1990 ha dato inizio al filone femminile dei cantautori genovesi del quale è stata la prima esponente.
Da allora a tutt’oggi svolge professionalmente la sua attività concertistica.


Nel settembre 1992 partecipa alla Rassegna del Club Tenco a Ricaldone “L’Isola in Collina” su invito del compianto Amilcare Rambaldi.
Nel 1994 vince con “Canzone per mio padre” il Premio Musicultura Città di Recanati.
Nel 1995 partecipa nuovamente alla Rassegna Musicultura Città di Recanati in occasione della presentazione del suo primo CD “I Gatti di Baudelaire”.
Ha pubblicato quattro CD di cui ha scritto testi e musiche:
- “I gatti di Baudelaire”, 1995 (prodotto da A. Carrara, Target/Polygram)
- “Inventare l’allegria”, 1997 (prodotto da A. Carrara, Target/Polygram)
- “Trentanni”, 1999
- “Live and let live, dodici anni di canzoni”, 2006.
Come interprete ha pubblicato:
“Un Sogno di Mare, Omaggio a Fabrizio De André”, con il Quartetto di Violoncelli “Cello Fans”, 2005.

Attualmente lavora con:
il Quartetto di Violoncelli “Cello Fans”,
l’Orchestra Classica di Alessandria,
il Quintetto d’Archi “Il Giardino delle Meraviglie” (costituito da Professori d’Orchestra del Teatro Carlo Felice).

Collabora stabilmente con la Stanza della Poesia di Palazzo Ducale (Genova), con il Festival Internazionale di Poesia, e con il Circolo dei Cantautori e dei Musicisti.

Nel 2006 partecipa al “GABER FESTIVAL”.
Nel settembre 2007 riceve a Genova il “Premio Via del Campo” per la Canzone d’autore.

Insegna Educazione vocale e Cantoterapia, con il metodo da lei stessa ideato e utilizzato in dieci anni di attività didattica, in collaborazione con Logopedisti e Foniatri.

Tra i vari interessi di Claudia, oltre agli animali, alla poesia, alla canzone d’autore, anche i Gruppi Spirituali “Ereticali” medievali di matrice cristiana, sterminati dalla chiesa cattolica, e il JAINISMO, la più antica Dottrina Spirituale della Nonviolenza;

ha pubblicato alcuni saggi tra cui:

- “Saman Suttam, il Canone del Jainismo, la più antica Dottrina della Nonviolenza”, Mondadori, Collana “Uomini e Religioni”, 2001

- “Il Jainismo, la più antica Dottrina della Nonviolenza, della Compassione e dell’Ecologia”, Edizioni Cosmopolis, 2002

- “L’Essenza del Jainismo. La storia, il pensiero, le fiabe”, Editori Riuniti, Collana “Universi Religiosi”, 2003

- “La centratura del tao”, Ed. Clandestine, 2000.

Dall’età di 16 anni è Vegetariana, ed è una attivista animalista.

MARIA PIRAS (MARY K)

Luglio 28, 2008

La musica nel sangue, la giovane cantautrice genovese ha all’attivo una compilation di livello nazionale con il pezzo” Milioni di anni” edito nel 2004 dalla etichetta Azzurra e con il singolo distribuito nel 2005 a livello internazionale dalla casa discografica Universal Music-Moremoney di Milano ( Runaway-Flyaway) .


Il suo ricco curriculum vitae, vanta lo studio sin da giovanissima della chitarra acustica dal 1985 e successivamente del pianoforte classico e moderno nonché delle percussioni. La passione per la composizione e la scrittura l’ha portata ad approfondire lo studio del canto moderno e lirico realizzando in tutte le sue composizioni sia i testi, quanto le melodie e gli arrangiamenti.

Ha iniziato ad esibirsi professionalmente a vent’anni ottenendo da subito l’attenzione sia del pubblico quanto dei musicisti ed in seguito dei produttori.

Ha partecipato a numerose audizioni e festival nazionali fra cui :

- 2000 Accademia di Sanremo arrivando in semifinale

- 2002 Festival di Napoli arrivando in finale

- 2003 Giro Festival semifinali a Taormina ( riprese Rai 2 e Rai3)

- 2003 Castrocaro Terme (riprese Rai 2) partecipazione alla semifinale

- 2004 Video Festival a Milano in finale (partecipazione di Radio Italia Solo Musica Italiana).

- 2004 protagonista come voce solista nella serata del Gran Galà della Fondazione ARPA in Toscana- (direttore Andrea Bocelli).

- 2006 Una canzone per volare a Genova ( in finale).

- 2007 diffusione a livello mondiale tramite vinile,cd ed mp3 dei brani dance: “Flyaway-Runaway”.

- 2008 collabora ad un progetto per la realizzazione del videoclip del suo brano: “Maffa DJ” prodotto ed in distribuzione a livello nazionale.

Possiede una notevole estensione vocale maturata grazie all’affinamento della tecnica appresa.Interprete particolarmente intensa ed espressiva, è in grado di spaziare ed eseguire differenti generi musicali, dal soft sino al pop e dance internazionale con sfumature Rock e Blues, grazie alla sua versatilità di vocalist.

PAOLA ATZENI

Luglio 28, 2008

CORINNE VIGO

Luglio 24, 2008

Corinne VIGO, nata a Genova Il 12/05/1990 residente a Masone (GE) in via Romitorio, 200/11

(telefoni: ab.0109236066; cell. 3498805583; e-mail:vigocorinne@tiscali.it)

ESPERIENZE MUSICALI

Nel 2005 inizio ad occuparmi in modo serio di musica cominciando a costruirmi un repertorio composto da cover di Anastacia e Giorgia e da brani inediti scritti da Floriano Ferro, Filippo Travo e Andrea Vassalini.

Nel 2006 incido il mio primo pezzo “Negli occhi” di Floriano Ferro e partecipo al Festival “Voci in…Transito” guadagnandomi un posto nella finale dell’1 Agosto presso l’Arena del Mare al Porto Antico di Genova vincendo la selezione del mio paese. Dopo le vacanze estive inizio a studiare canto con l’insegnante Laura Cappelluccio portando avanti con lei i miei studi per tutto l’anno seguente. Nel 2006 faccio alcuni concerti, accompagnata da un gruppo di bravissimi musicisti, a Rossiglione GE in particolare durante l’expò Valle Stura e parecchie serate da piano bar in coppia con Emiliano Pastorino.

Nel 2007, dopo i successi dell’anno precedente, mi sono esibita con il gruppo in 4 concerti sempre nel territorio della Valle Stura in particolare nella splendida Cornice del Castello Spinola a Campo Ligure GE con una grandissima affluenza di pubblico e, per aumentare la mia esperienza, ho fatto piano-bar durante l’estate, ho vinto il concorso canoro “Voci in… Transito” edizione 2007 e ho iniziato con Filippo Travo, Pietro Pizzorni e Andrea Vassalini la produzione di alcuni brani da sottoporre al mondo della discografia, in seguito l’iscrizione a sanremolab con il brano inedito di Andrea Vassalini

INFLUENZE MUSICALI

La mia musica è indubbiamente influenzata dalle cantanti che preferisco tra cui Anastacia, Giorgia e molte altre, in questi ultimi tempi ascolto molto anche gli Evanescence anche perché lo stile dei brani che stiamo incidendo, se non è proprio il loro stile, comunque si avvicina molto al Rock, per me una giusto mix tra Pop e Rock

SIMONA BERTONI

Luglio 24, 2008

SIMONA BERTONI. PROFILO.

«La musica ed il mondo dello spettacolo sono le mie grandi passioni. Quando ero piccola passavo intere giornate a ritagliare dalle riviste musicali tutti gli articoli o le foto che mi interessavano. In prevalenza erano testi di canzoni italiane o straniere, che poi imparavo a memoria. Un brutto giorno, mia madre ha deciso di fare pulizia e ha buttato via tutto, tranne la mia passione per il canto». Simona Bertoni, genovese, è una donna dal carattere forte e determinato. Il suo sogno è quello di potersi affermare nel difficile universo della canzone e, in attesa che questo avvenga, svolge l’attività di impiegata part-time in un’agenzia di assicurazioni: «Il mio capo è quasi sempre in prima fila ai miei spettacoli, è un vero fan». Anche le colleghe la sostengono: «Quando mi esibisco prediligo cantare le cose che mi piacciono. Certo, il repertorio classico da pianobar non si può escludere, ma io preferisco eseguire brani di Tina Turner o Kim Carnes. Ho cominciato quasi per scherzo, una decina d’anni fa, in coppia con un amico. Se ricordo bene cantavo canzoni come “What’s up”, delle Four Non Blondes, o “I will survive” di Gloria Gaynor, che ho tuttora in repertorio». Simona si esibisce prevalentemente a Genova e in Liguria, dove la situazione della musica live, di qualunque genere essa sia, si è andata complicando nel corso degli anni: «La musica non è valutata come dovrebbe. Soprattutto non viene riconosciuto il lavoro di preparazione, lungo e faticoso, che esiste dietro ogni singolo brano. Qualche anno fa era diverso: c’erano molte più possibilità, soprattutto per i gruppi formati da più elementi che oggi, difficilmente, potrebbero accontentarsi della paga per una serata. Per fortuna io non ho questo problema, visto che a calcare il palco siamo soltanto un tastierista o un chitarrista ed io». Simona può inoltre vantare collaborazioni artistiche di livello: «Ho lavorato con Nico Di Palo al Telethon genovese e ho inciso delle cover, più un inedito, per il gruppo dei Novecento, quello di “Movin’on”, per intenderci, che sono state inserite successivamente all’interno di compilation. La mia voce è presente anche nei titoli di coda del film “Paparazzi”, dove canto “Believe” di Cher. Inoltre sto realizzando a Milano, con il produttore Andrea Belcastro, dei brani dance di prossima uscita. Il mio desiderio più grande, anche se molto difficile a realizzarsi, sarebbe sicuramente quello di poter fare carriera grazie alla mia voce e con brani creati appositamente per me. E’ un bel sogno, sicuramente, e come tale lo considero. Mi ritengo una persona con i piedi ben piantati a terra e non sono portata a crearmi delle illusioni ma la speranza, come si dice, è l’ultima a morire». Il repertorio attuale di Simona spazia dagli evergreen al rock più moderno: «Eseguo brani di Mina, della Mannoia e di Mia Martini. Ma anche pezzi come “Moonlight shadow” di Mike Oldfield o di Alanis Morisette, una grande artista».

« Pagina precedente