Top

STEFANO ROLLI

Luglio 31, 2008

Stefano Rolli, vignettista del Secolo XIX.
Nato a Lavagna nel 1966, Rolli ha frequentato giovanissimo la Scuola chiavarese del fumetto e nel 1990 inizia a disegnare vignette per l’edizione del Levante del Secolo XIX. Nel frattempo è preso a bottega da Luciano Bottaro e Giorgio Rebuffi, maestri del fumetto comico italiano: con Bottaro collabora ad alcune storie per Topolino e ad altre iniziative editoriali. Continua a lavorare al Decimonono e dal luglio 2002 le sue vignette passano alle pagine nazionali e poco dopo in prima pagina. Residente a Chiavari, nella cui redazione continua a lavorare, l’autore, forse il più giovane vignettista da prima pagina in Italia, sembra avere le idee molto chiare su come deve essere la satira e quale il suo ambito: «La satira o è irrisione del Potere, o non è. L’unico confine che riconosco è – al limite - quello del buon gusto, sempre che se ne possa dare una definizione condivisa. Per il resto credo che porre regole, censure, o - ancora peggio - imporsi autocensure, sia un paradosso. La vignetta dovrebbe essere come un’isola libertaria nella pagina, in cui tutto o quasi viene permesso. É un momento di irrazionalità e di rottura, un po’ come lo era la Festa dei folli nel medioevo».

L’unico vero giudice è il lettore: «Ogni giorno preparo molti schizzi e li propongo alla direzione del giornale, cui spetta l’ultima parola. Non è sempre facile imbroccare lo spunto: la vera preoccupazione, però, rimane quella di riuscire a strappare un sorriso, anche amaro magari, a chi mi legge il giorno dopo».

EMANUELA ARESTI

Luglio 31, 2008

Emanuela Aresti, 22 anni, diplomata Aibes di primo livello, prepara i cocktails al Vegio Carroggio www.uvegiocarrugio.it di cui è titolare.

CLAUDIO CAPURRO

Luglio 31, 2008

CLAUDIO CAPURRO . PROFILO.
Riduttivo descrivere la cifra artistica di Claudio Capurro, sassofonista genovese, conosciuto e apprezzato da tutti gli amanti del jazz.
La sua profonda conoscenza degli aspetti musicali, tutti, unita ad una ricchissima creatività, ne fanno un musicista straordinariamente duttile e prezioso.
Da ormai diversi anni è unanime l’opinione che Capurro rappresenti una delle più alte espressioni compositive e strumentali ben oltre i confini europei.
Il suo personalissimo lirismo risulta oltre modo interessante ed avvincente in Algonchina, album uscito nel ’95, e Aloofness, CD di più recente pubblicazione.
Il sassofonista clarinettista, crea variegate situazioni che risolvono in pregevoli spunti tematici per sviluppare la sua verve e il suo mood improvvisativo.
La sua spiccata firma personale, sempre combinata con ottimo gusto e proprietà, si evidenzia anche nel lavoro di arrangiamento che da qualche anno lo vede impegnato alla guida della Big Borgo Band; orchestra di sua creazione che sempre più sorprende pubblico e critica per aver con successo fatto rivivere al jazz quella “condizione” preziosa ed avvincente, lo swing, tipica della musica afro-americana tra gli anni ’30 e gli anni ’50.
Non si contano le tante collaborazioni del musicista genovese che vanta un curriculum davvero invidiabile; insensato farne un mero elenco. Il suggerimento migliore? Ascoltare la sua poesia.

MASSIMO E FRANCESCA

Luglio 31, 2008

Massimo e Francesca ballano insieme dal 1993 iniziano come amatori di danze Latino americane in classe C vincendo nello stesso anno i Campionati Italiani, l’International Open Alassio, il Campionato Interregionale e altre varie gare e trofei in Italia.

Nel 1994 passano in classe B e vincono il Campionato interregionale, il Campionato italiano ed altre gare in Italia.
Nel 1995 passano in classe A2 e vincono il trofeo di Biella e la Coppa Italia nel 1996; inoltre ottengono un importante risultato con il piazzamento in semifinale ai Campionati italiani 1996 passando quindi di diritto nel 1997 alla classe superiore A1
Sono stati Campioni Regionali

1997-1998-1999-2000 .

Hanno vinto numerosi trofei e coppe sia in Italia che all’estero ed hanno ottenuto ottimi piazzamenti nelle gare con le migliori coppie internazionali.

A gennaio 2001 superano l’esame presso l’A.N.M.B. (Associazione Nazionale Maestri di Ballo) nelle discipline di Danze Latino Americane e Caraibiche , iniziando così la carriera da Professionisti.

In tale categoria a Febbraio 2001 disputano il loro primo Campionato di danze Caraibiche ottenendo il 9° posto.

A Giugno 2001 partecipano alla Coppa del mondo di Salsa IDO ad Olten in Svizzera piazzandosi in semifinale e pochi giorni dopo ottengono il 5° posto all’Intenational Open Professionisti Danze Caraibiche di Alassio.

A Novembre 2003 partecipano al Campionato Europeo di Salsa classificandosi 6i.
A Gennaio 2004 ottengono il diploma di maestro di ballo anche per altre due discipline:

Latin-Hustle ed il Tango Argentino.
Al camionato italiano 2004 sono 3i classificati nella nuova disciplina:

il LATIN-HUSTLE.

Ad Aprile 2004 al “Salsa Open” di Milano, nella categoria Professionisti,vincono la gara di Bachata ed arrivano terzi in Salsa portoricana/N.Y.Style.

Nel 2005 ai campionati italiani categoria Professionisti sono: 7i classificati nella Salsa N.Y.Style/portoricana e vicecampioni italiani in Latin-Hustle.
Nel Settembre 2005 inaugurano la sede della scuola di danza “A.S.D. Numero Uno Genova”in Via Asilo Garbarino 20r a Genova.
Nel Novembre 2005 Vincono L’ “EUROPEAN SALSA COMPETITION”,gara riservata agli Show disputata presso il teatro del Casinò di Menton in Francia.
Nel 2006 ai campionati italiani nella categoria Professionisti sono semifinalisti nella combinata Danze Caraibiche (Salsa Cubana,Salsa Portoricana,Merengue e Bachata).
Semifinalisti nei balli singoli e nuovamente vicecampioni italiani in Latin-Hustle.

I NOSTRI MAESTRI:
Per le Danze Caraibiche:
D&G (Dany e Graziano BI),Nelson Flores e Maribel Maldonado (NY),Thomas Guerrero (NY),Felipe Polanco (PR),Eddie Torres e Maria Torres (NY),Jesus Aponte (PR),Candy Mena (NY),Duplessey Walker (NY),Griselle Ponce (NY),Alexis Olivares (CU),Mikel Fonts (CU),Thomasito Santamaria (CU),Eloy Leyva (CU),Alberto Valdes (CU),Albertico Calderon (CU),Ismael Otero (NY),Leon Rose (UK)Juan matos (SD)
Per il Latin Hustle:
D&G (Dany e Graziano BI), Billy Fajardo eKatie Marlow (NY), Manfred Rubner e Karoline Khuen (CH)
Per le Danze Latino Americane:
Davide Gabusi e Claudia Tavalazzi (BO),Fabrizio Comeglio (AL),Mauro Vispi (MO),Viviana Bevini (MO),Caroline Smith (UK),Michael Stylianos (UK),Bianca Schreiber (D),Giacomo Steccaglia (SP),Melissa Dexter (USA),Lyne Herman

MASSIMO MANCINI

Luglio 31, 2008

Roma Genova solo andata. Storia di un viaggio economico e di costume che Massimo Mancini, imprenditore romano col vizio delle genovesità, inizia 12 anni fa con l’Impresa Mancini srl. Sede romana, dai 60 ai 100 addetti, e un secolo di produttività.


Di padre in figlio fino a lui, 48 anni, e l’approccio industriale al progetto. E’ il taglio insolito con cui sbarca nella Genova dei cantieri edili a scuotere il sistema. Brillante comunicatore, Mancini annusa la città, la respira nei suoi vicoli stretti, studia quell’ingresso non facile in un’arena che ti scruta. Relazioni per sondare, Mancini è bravo e ha dalla sua una tradizione forte: lavori in tutta Italia e solo appalti pubblici. Si sbilancia sul Nord e la porta è Genova, dove Mancini passa tre giorni su sette (“perché a Roma ci sono i mie tre figli”), dove ad Albaro ha messo su casa (famose le cene sulla terrazza “romana” che sposa il Genova-style), dove ha trasferito qualità e metodo.
Lavori importanti a Milano e Torino, e adesso Genova con tre cantieri attivi e tre acquisiti. C’è da concludere la spettacolare ristrutturazione di quella che sarà la biblioteca universitaria, di fronte alla stazione Principe. Il trionfo degli stucchi, i parquet fotografati e ricreati, i soffitti a cassettoni, gli affreschi. Cammini sul legno grezzo del salone delle feste, le scarpe non si sporcano, i tacchi non s’incastrano, e gli spazzi prendono anima. Un saggio di come lavorano Mancini & Co.
Le maestranze che porta in giro sono quelle genovesi, la squadra di base è sempre la stessa, e partecipa agli appalti col massimo ribasso. Vince Mancini, e con buon scarto davanti ad altre imprese magari genovesi. “Velocità ed efficienza-sintetizza l’uomo-Se l’utile industriale di un appalto può essere il 10 per cento, prima finisco più guadagno, abbattendo le spese di gestione del cantiere. E’ un processo industriale. Da me c’è un operaio in più piuttosto che cinque in meno.”
Mancini ha reso l’idea, ma ci tiene a ribadire il concetto: “Ogni cantiere aperto incide almeno di un 5 per cento sulle spese generali. Il nostro è un lavoro pagato per la produzione materiale e a libro paga ci sono capocantiere e assistente che mi costano ma non producono. Quindi, più operai coordinano meno gravano”. Tradotto: “Più manodopera qualificata e marce serrate. E l’opportunità di passare ad altri appalti”. Il sistema dà fior di risultati, tant’è che molti colleghi genovesi gli hanno proposto di associarsi. Lo ha fatto con 3-4 imprese, con “cui c’è un ottimo rapporto. Il resto è concorrenza, “che deve essere qualificata. E più i controlli sull’operato sono attenti, meglio è”.
E qui il Mancini-romano spezza lance sul suo futuro genovese. Perché “Genova mi piace, è più vera di Roma e preferisco lavorare qui. Roma è clientelare , soffoca la capacità imprenditoriale che si scontra con rendite di posizione invalicabili. Di Genova mi piace l’evidenza della competenza , qui sanno apprezzare , sono attenti e oculati. Con me stanno spendendo bene i loro soldi e me lo fanno capire”. Fotografa la città in controluce, nella sua evidenza celata, nel suo essere osservatorio: “Genova è più piccola, le cose si vedono e sanno chi le ha fatte”.
Intorno c’è un progetto, una scelta commerciale, “che non ti porta a chiedere lo sconto su 20 metri quadri di mattonelle, ma ti fa fiutare il business.” Ne viene fuori il ritratto del nuovo imprenditore che “deve dare risposte sociali, e, perché no, intervenire sulle sponsorizzazioni”. Poi il flash sui genovesi: “Gemme grezze cui devi arrivare al cuore, che è la mia condizione per stare bene. Lo devo alla formazione romana se apprezzo tutto questo.”
A Mancini piacciono la buona cucina, la buona compagnia, i rapporti veri e dedica alle relazioni tutto il suo tempo libero. Lo stato ideale in una città che ha eletto come sede di riferimento privato e della sua azienda.
E’ iscritto alla genovese Camera di Commercio e alle associazioni di categoria. Comunica, chiarisce, parla di metodo e approccio, e lascia tracce evidenti. Non male per lui, abruzzese d’origine, (nato a L’Aquila), romano di formazione e genovese d’adozione. Che dopo tre anni d’ingegneria inizia a lavorare creando un’impresa sua, parallela a quella del padre. Parte con piccoli appalti e si fa le ossa in autonomia. Bella scuola. A 28 anni si sposa, e a 33 confluisce nell’azienda di famiglia di cui prende in mano le redini. Ne raddoppia ogni anno il fatturato e ne accresce l’operatività in maniera esponenziale. A 36 anni diventa presidente del Consorzio Bonifica e Ambiente (la Mancini è azienda partecipata al Consorzio), costituito dalle municipalizzate dell’Emilia Romagna e altri partner nazionali per promuovere il servizio alle città del Medio Oriente, bacino del Mediterraneo. Viaggia per sei anni e si misura con i non facili interlocutori arabi. Una palestra che lo formerà sulle competenze nei servizi alle città, particolare non trascurabile nel progetto d’insieme della Mancini srl.
E’ evidente che all’imprenditore il centro Italia ormai sta stretto. Punta al nord per grossi appalti, quelli che gli daranno credibilità e autorevolezza, che gli apriranno le porte di questa Genova fin troppo cauta nel dar fiducia al nuovo.

Impresa Mancini srl, di Massimo Mancini , massimoman@iol.it oppure massimoman@tre.it
393/3338205

GIUSEPPE MANTOVANI

Luglio 31, 2008

GIUSEPPE MANTOVANI : LO CHARLOT GENOVESE.
Giuseppe Mantovani, nasceva a Genova nel 1950 . Scrittore di posesie e piccoli racconti in italiano evolve poi verso la poesia in dialetto genovese. Cosi’ anche per gli aforismi ed i piccoli racconti- Medico pneumologo nella vita di tutti i giorni ha creato la figura di Charlot genovese: un omino pauroso, impotente di fronte alle difficoltà della vita ma dotato di un innato spirito di autoconservazioen- Porta il nome di Monsieur Puppè. Ha editato 4 libri ed uno prossimo all’uscita per Erga editore. Ospite gradito di telegenove e radio 103. Colabora con L’Associazione Amici dell’arte di Anna Olivari.

ALESSANDRO DENTONE

Luglio 31, 2008

Alessandro Dentone ha 31 anni e fin da bambino adorava giocare con le pentole; quindi, terminate le scuole medie nel 1990, si iscrive all’alberghiero di Lavagna, dove per due anni studia e lavora.


Nel 1993, terminati gli studi, viene premiato come miglior allievo del corso e inizia così a lavorare in vari alberghi di prima categoria del Tigullio come commis di cucina. Nel 1997, decide di affrontare la sua prima esperienza lavorativa all’estero e parte per il Costa Rica dove, per cause di forza maggiore, si trova a ricoprire l’incarico di chef di cucina in un hotel a cinque stelle frequentato da diversi capi di stato del Centro America. Tutte queste personalità, con capofila il presidente della repubblica Costaricense, diventano assidui frequentatori del ristorante, perché incantati dalla cucina italiana di mare. Terminata l’esperienza estera, che dura poco più di un anno, nel 1999 Dentone apre un suo locale chiamandolo “U Gussu” (tradotto, il gozzo): la particolarità del ristorante è quella di servire pesce fresco del proprio peschereccio, in quanto Dentone proviene da una delle famiglie più antiche di pescatori della Liguria e tutt’oggi suo padre e suo fratello svolgono l’attività della pesca. Nel 2001, per disaccordi con il proprietario del ristorante, cede l’attività e diventa istruttore alla scuola alberghiera di Lavagna. Rimane nell’istituto fino a giugno 2007: nel frattempo nei ritagli di tempo fa anche lo chef executive al ristorante “Marina di Bardi” di Zoagli, con la soddisfazione di essere pubblicato su diverse guide. Ma poi il lavoro scolastico diventa noioso e ripetitivo allora decide di dare tutto se stesso per l’associazione Mare in Italy (Confcooperative Federcoopesca), con la quale collabora da molti anni: si parte con nuove idee e con alle spalle un bagaglio di risultati già ottenuti, come la reallizzazione di alcune puntate di Tg5 Gusto e Eat Parade Rai 2, Linea Blu e Pianeta Mare. Ecco anche i corsi di cucina già, ripetuti un po’ dappertutto in Italia ma anche all’estero, soprattutto a Praga, dove parecchie volte Dentone va ad insegnare per setttimane ai migliori chef e titolari dei più titolati ristoranti della Repubblica Ceca. Ora arriva questa nuova avventura delle cene didattiche per Mare in Italy, che vede Dentone affiancato da un team di ottimi collaboratori, bravissimi chef del Tigullio: Pier Angelo Madern, Mauro Bassi, Daniele Marrocu e tanti altri che hanno partecipato e parteciperanno in tutte le altre manifestazioni previste. Dentone infatti sta cercando di attorniarsi di un buon team di professionisti per poter migliorare e creare una vera e propria scuola di cucina targata Mare in Italy.

DJ ALEXENNE

Luglio 30, 2008

Biografia

Alessio Narizzano, nome d’arte Alexennedj è nato a Genova il 12 Luglio 1981, da sempre appassionato di musica, è dj professionista dal 1999. Allievo di Giorgio Gili del mitico “Jukebox Record” e di Roberto Pinna, è oggi nel 2008 un artista completo che propone un dj set con musica a 360 gradi per il divertimento di ogni genere di pubblico, sia giovane che adulto.

La programmazione musicale dei suoi dj set comprende le ultime produzioni musicali con la ricerca delle nuove sonorità elettroniche ed house ma è anche attenta a proporre una selezione di brani di successo italiani e stranieri degli anni ‘70 ‘80 ‘90 e della produzione dance degli anni 2000.

Ha lavorato in numerosi locali della Liguria e non solo, dove ha trovato situazioni e tipi di clientela diverse e proprio questo lo ha spinto alla continua ricerca di musiche differenti da proporre. Proprio queste situazioni hanno permesso all’artista di avere nel corso degli anni un bagaglio musicale, costituito da vinili e cd, vasto e diversificato.

Attualmente alexennedj collabora con i principali staff del panorama genovese tra cui “Divina Staff”, azienda leader nell’organizzazione di eventi di cui è il dj ufficiale del tour estivo da 4 anni, tour che tocca le principali piazze d’ Italia che ha visto nell’estate 2007 una presenza di più di 50.000 persone e riscuote ogni anno sempre più consensi per la costante ricerca di nuove tecnologie (laser show e video show) e la continua creazione di nuove coreografie.

“Il MusikaStaff”, uno staff tra i più promettenti in circolazione che si occupa dell’organizzazione artistica di molti locali nel Levante ligure, delle feste in piazza in Val Fontanabuona e Gattorna e della radio MKS, i “Birbantelli Zena” che sono stati la direzione artistica del mitico e indimenticabile Covo di Nord-Est, “Hot Party” direzione artistica capitanata da Gino e Daniele di cui si occupa dei dj set delle famose feste universitarie e delle scuole da loro organizzate, Q.C.L.N. di cui sono famosi i party al Mako e al Time e da quest’anno si occupa della selezione musicale anche dei ricevimenti e party esclusivi organizzati dal catering Pasticceria Svizzera e di Villa Lo Zerbino.

Produzioni discografiche: Ha collaborato alla creazione dell’ album di inediti del gruppo artistico DivinaStaff “Stai con me”

Autore e compositore di 3 compilation di musica house (Alexenne complilation 2008), elettronica (In the club) e chill out (Music for dinner) con la collaborazione delle edizioni musicali Katalì buena suerte

Attualmente è al lavoro insieme al suo amico e collega Roberto Mantelli per la nuova compilation estiva di musica dance e house

Qui di seguito alcuni locali e eventi a cui Alexennedj ha preso parte:

LOCALI discoteche e discobar: Covo di Nord Est, Covino (S. MARGHERITA LIGURE), Divina, Vanilla, Eccentrica, Stanze del Vescovo, Nessundorma, Maddox, Estoril, Palace, Fellini, Borderline, Milk, Cisterne del Ducale, Planet, Serata Ufficiale Erasmus al Portobanana organizzata dal Gruppo Erasmus Genova, Bunker, Baia degli Angeli, Time, Moody, Calamarè, Lido, Garden (Locali gruppo Qui), Medusa,Capitan Fracassa, La Soffitta, Cafe de Nuit, Sporting c.so Italia (GENOVA), Double D (Rapallo), La Rocca (S. STEFANO D’AVETO), Porta d’Oro Planet Night (Rezzoaglio), Sporting Club, Patio (FINALE LIGURE), Babilonia (PARMA), Bunker (Riva Trigoso), Orizzonte (Varazze), Thermae (Cavi di Lavagna)

Grandi Eventi: Conferenze e ricevimenti Villa Lo Zerbino, Tall Ships Night 2007 (Genova), Festa di fine Nautico 2006, Capodanno a Genova 2006 e 2007, Capodanno 2008 a Final Borgo (SV), Ricevimenti Villa Esedra e Villa Durazzo (Sestri Levante), Zeffirino Portofino Culm, Notte Bianca a Genova, Notte bianca a Finale Ligure, Natalidea, eventi a Portofino, Villa Serra, Villa Pagoda, Hotel Torre Cambiaso, Festa e convegno associazione odontotecnici e dentisti sul Lago di Garda, Evento sul Lago di Como, Festa della chiusura acciaierie di Cornigliano, Arena del Mare – Festa dell’unità, Ospite nella Festa per i Festeggiamenti della Madonna a Gattona 2006 e 2007 con dj Giuseppe di Radio 105 e Molinaro di radio m2o, Borghetto Santo Spirito, Silb Rimini, Cremona, Cenobio del Doge, Ristorante laMarina – Jasmine Estate, Festival del Bambino, dj set Brescia, Villa Certosa di Pavia, Carnevale Estivo Andorra, Subway Vibration, Ospite nelle inaugurazioni palestre BodyGym e UpTime, Festa in piazza a Zoagli, Balla con Cuore (Divina Staff pro IST) ecc ecc

SITO WEB ARTISTA: www.alexennedj.it

PERSEO MIRANDA (Angelo Spaggiari)

Luglio 29, 2008

Angelo Spaggiari, ovvero Perseo Miranda, è studioso di astrologia, cantante, chitarrista, compositore metal, showman, conduttore televisivo, testimonial tv e, all’occasione, anche attore e inviato speciale.

Ha mosso i suoi primi passi nei media nel 1980, partecipando a trasmissioni radiofoniche a diffusione nazionale su Rai 2 e Rai 3. Una lunga esperienza a diretto contatto col pubblico (in teatri, locali, stadi) gli ha permesso di perfezionarsi dal punto di vista professionale e di imparare a comprendere più profondamente le persone con cui entra in contatto, dote importantissima per un serio ricercatore e studioso di astrologia. Perseo ha pubblicato due libri di astrologia per la Erga Edizioni: “Gli astri ci dicono” e “Perseo: manuale di astrologia”; inciso dischi pop per compilation commerciali e i cd metal “Perseo Miranda and his theatre”"Light And Darkness”, “Evolution Of The Spirit” e Parallel Dimensions per la Lodger Records. Ha partecipato a trasmissioni televisive su diversi canali nazionali: Canale 5 (dove nell’arco di un anno è apparso nel “Prossimamente” di “Buona Domenica”), Rai 2, Rai 3, Rete 4. Inoltre Channel Four, Quarta Rete della televisione inglese. È stato ospite in vari telegiornali regionali: per i tg di Telecity-Gold7 e Telestar Video Italia, nei quali è anche intervenuto in qualità di inviato speciale per il festival di Sanremo. Spesso è invitato in talk show locali. Per Telecity-Gold 7 ha presentato l’Oroscopo del giorno. Da tempo conduce le trasmissioni “Di tutto un po’”, “Non solo… rock”, “Perseo Show”, “Perseo Propone”, “Perseo Presenta” in diversi network locali ed è testimonial per molte pubblicità.. E’ stato anche attore nel film “Pink Forever” del giovane regista Davide Scovazzo.

 

 

MAIDE

Luglio 29, 2008

Sarebbe davvero il caso di dire ” Maide in Italy ” per presentare un’arte, un’innata creatività capace di trasmettere allegria, gioia e un incredibile senso del gusto, nel vero senso della parola.


Ebbene si, Maide, artista cioccolatiera nata a Rapallo, trascorre intere giornate creando oggetti bellissimi completamente realizzati in cioccolato e con una dovizia di particolari accuratissima.
Dalle sue mani prendono forma coccolatosi utensili, deliziosi cappelli, quadri, aquiloni e perfino piccanti provocazioni pronte a strappare un sorriso.
L’irresistibile appeal del cioccolato abbinato ad un’arte unica per originalità e proposta. Questo pare essere stato il perfetto connubio che negli anni ha saputo ” cioccolare ” milioni di clienti dalle più svariate esigenze e che ancora oggi vede la maestra cioccolatiera Maide primeggiare fra i più grandi maestri che da decenni operano nel settore dei manufatti di pregio.
Da ricordare a tal proposito la partecipazione di Maide e del suo laboratorio live alla passata edizione di Scrigno, Tesori d’Italia , un evento capace di raggruppare i più grandi maestri italiani per creatività, eccellenza e bravura.

Da Re Mida a Regina Maide verrebbe da pensare esaltando la capacità di una poliedrica artista capace di trasformare qualsiasi oggetto nella più dolce delle prelibatezze.

Pagina successiva »